What about Transart?

Transart è energia, e non solo perchè ALPERIA è il nostro primo sponsor. Transart è contemporaneità radicale  – e non solo perchè molti dei nostri sponsor sono i protagonisti di maggiore successo nelle sfide imprenditoriali contemporanee. 

Era arrivato il momento di dare nuovi  formati e strutture al programma del festival. Al di là delle serate ormai collaudate che hanno inizio e terminano con un applauso, per la diciasettesima edizione di un festival di cultura contemporanea, abbiamo voluto pensare a nuovi modelli di esperienza dello spettacolo, i quali fanno vivere il TEMPO e lo SPAZIO in modo non convenzionale. 

Per la prima volta il festival si presenterà con un HUB al Museo Civico di Bolzano, che funge da centro di distribuzione di messaggi contemporanei. Per tre settimane all’HUB mostriamo la magnifica eredità che l’artista Christoph Schlingensief ha lasciato in Africa, i progetti di una coppia di artisti DOUCMENTA 14, legati all’Alto Adige, un’opera con una forte carica energetica dell’artista canadese Martin Messier e i pranzi curati dal collettivo locale BAU. Con Vereinigten Bühnen Bozen abbiamo trasformato la tradizionale Cult.urnacht in CULT.night, una piattaforma della durata di sette ore a cui parteciparanno i tanti appassionati di cultura della città di Bolzano; con la Facoltà di Design e Arti della Libera Università di Bolzano abbiamo creato una torre babilonica sui 6 piani, in cui si potrà ascoltare nuova musica in modo non convenzionale.

Il magnifico rapporto fra spazio, tempo e assorbimento di informazioni è stato enormemente  influenzato dall’uso dei social media.

Quanto contenuto ci si presenta in quale tempo? Quali concetti devono essere messi da parte per creare spazio a nuove percezioni? Cosa vivo in sette secondi? Cosa percepisco in dieci ore?

Le risposte la vivrete, scoprirete e sperimenterete a TRANSART17!

Partecipate numerosi, ne vale la pena!